Hummingbird, il nuovo algoritmo di Google

Hummingbird il nuovo algoritmo di Google
Che cos'è Hummingbird?

Big G lo aveva preannunciato. Caffeine, l'algoritmo introdotto nei primi mesi del 2010, non è un punto di arrivo, ma è la base sulla quale Google intende costruire il prossimo futuro della ricerca sul Web. Oggi, a distanza di tre anni, arriva un grazioso uccellino con le ali colorate a portare una sferzata di evoluzione nel motore di ricerca, che valorizza la rapidità e una più accurata precisione. L'anima di Google cambia e si trasforma implementando nuovi  meccanismi di base delle ricerche online, diventando sempre più simile ad un essere pensate. Il più grande motore di ricerca al mondo invece di ricevere regali per il suo 15esimo compleanno ne dona uno a tutti gli utenti del web: Hummingbird. La novità arriva in maniera silenziosa influenzando inevitabilmente le attività del motore di ricerca.
 
Quali sono le sue componenti?

La caratteristica di Hummingbird (Colibrì in italiano) sarà quella di offrire risultati completi e precisi a richieste sempre più lunghe e complesse. E' il passo intermedio che porta a un'interazione più umana nel rapporto con fra l'utente e il motore di ricerca. Dopo la conferenza del 26 settembre 2013 Google ha fatto il punto della situazione sul suo passato, presente e futuro. "Le “ricerche conversazionali” sono uno degli esempi migliori." Dice uno degli ingegneri della società di Mountain View " “Dov’è il posto più vicino a casa dove posso  comprare un iPhone 5s?” Per rispondere a questa domanda, un motore di ricerca tradizionale tende a focalizzarsi solo sulle parole – cercando una pagina che risponda a “comprare” e “iPhone 5s”, per esempio. Hummingbird dovrebbe invece capire meglio il significato che sta dietro alle parole. Potrebbe capire dove ti trovi fisicamente, se hai concesso a Google di saperlo. Potrebbe capire che “posto” significa un negozio reale (e non uno shop online). Potrebbe capire che l’iPhone 5s è un dispositivo in vendita presso certi negozi. Il fatto di comprendere queste cose può aiutare Google ad andare oltre la vecchia ricerca basata solo sulle parole."
 
Come funziona?

A conti fatti Google ci capirà perfettamente, le query attuali verranno sostituite per dare spazio alla semplicità con domande più articolate. Questa scelta avviene anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet e all'utilizzo di ricerche vocali. Nelle prossime settimane infatti verranno rilasciate nuove app Google Search per iPhone e iPad, mentre Android migliorerà le funzionalità di ricerca in funzione di questo nuovo algoritmo. Altro punto che ha influenzato Hummingbird è il Knowledge Graph, la funzione attraverso cui il motore di ricerca associa alle parole cercate un oggetto e le metterà in relazione.
 
E il PageRank?

In numero assegnato dall'algoritmo analizzerà ogni elemento di un collegamento ipertestuale di un insieme di documenti, avrà piccole variazioni ma continuerà ad essere uno dei fattori importanti per Hummingbird, che studierà il PageRank assieme a tutti gli altri fattori (le famose 200 regole di Google).
 
nuovo algoritmo di Google
Google Panda e Penguin?

Gli update (ovvero gli aggiornamenti del motore di ricerca) verranno introdotti progressivamente forse con la stessa azione silenziosa usata per il nuovo algoritmo. I vari Panda, Penguin facevano parte del vecchio Caffeine e non sono stati sostituiti interamente. " Google ha fatto il passaggio a Hummingbird, è come se avesse cambiato il vecchio motore con uno nuovo." Ci fanno ancora sapere gli ingegneri "Quegli update sono come se al vecchio motore fosse stato sostituito il filtro dell’olio o la pompa della benzina. Hummingbird è invece un motore nuovo di zecca, anche se continua ad utilizzare alcune vecchie parti (come Penguin e Panda).
 
Dovremmo quindi preoccuparci per un crollo notevole del traffico? Google ha sottolineato che se mai si presentasse questa problematica potrebbe essere dovuto ad altre componenti del suo algoritmo, che sono state cambiate, ottimizzate o migliorate. Hummingbird va ad agire su query particolarmente complesse, piuttosto che su termini importanti che potrebbero portare grossi cambiamenti nel traffico.

Insomma non si può fare a meno di Google anche se molti segreti resteranno tali per molto tempo, quando riesci a capire un minimo quello che hanno fatto, stanno già facendo qualcosa di nuovo.
 

Realizza il tuo sito web con noi!  

Torna alla lista        Stampa